martedì 9 luglio 2013

Minestrone estivo alla genovese della nonna Minga....di un week end a Sapori da sfogliare, di olio evo, di Zena e Imperia


Eccomi, non sono sparita, ho solo avuto un gran da fare. L'appuntamento del 14 per Siena and Stars si sta avvicinando, noi siamo pronte con i nostri menu, stiamo scaldando le padelle. Per chi non sa di cosa stia parlando, può leggere questo post e troverà tutte le informazioni. Partecipate numerosi al Contest dell'estate e alla manifestazione Siena and Stars. Godetevi questa meravigliosa cittadina toscana che farà da cornice all'evento, a suon di buona musica e buon cibo. E c'è una novità. Scaricate l'App INNER SIENA, anche dalla colonna laterale del mio blog e dei blog partecipanti all'iniziativa, e potrete prenotare il vostro soggiorno, il vostro concerto e scegliere i nostri menu, riservando un tavolo nel ristorante che preferite, in una delle serate della rassegna.
Oggi, però, voglio raccontarvi di un meraviglioso week end trascorso fra Genova e Imperia due settimane fa. E la ricetta di oggi è la ricetta di un'amica che mi ha ospitata nella sua meravigliosa casa la prima notte, guidandomi per Genova come solo una guida turistica di alto livello sa fare, coccolandomi, perché mi sono beccata un bel raffreddore, viziandomi, spiegandomi cos'è una creuza de ma....


Lei è la cara Patrizia de la Melagranata e la ricetta di oggi è della sua adorata bisnonna Minga. Grazie Patrizia, grazie di cuore, per tutto. Come sempre quando pubblico la ricetta di un'amica vi invito a leggere l'originale sul suo blog, perché lì ritroverete la poesia e la storia famigliare che si nascondono dietro la ricetta. Per il minestrone della nonna Minga leggete la storia qui. Io mi limiterò a riportare fedelmente la ricetta a fine post, come sempre. Vi dico solo che è una ricetta estiva, contrariamente a quanto possiate pensare leggendo la parola 'minestrone'. Patrizia mi ha fatto scoprire una Genova nascosta, la sua città, che ama profondamente e di cui conosce i segreti più reconditi. Insieme a me, a godere di cotanta deliziosa e prodiga ospitalità c'erano altre due care amiche romagnole, Sabrina e Silvia...due ondate di allegria e divertimento senza pari.... E dopo una giornata trascorsa con loro per le vie del centro, dopo un pranzo da leccarsi i baffi, frutto della maestria culinaria di Patrizia, una serata bellissima trascorsa con loro al Suk Festival e una colazione da re, con tanto di pancake, pane in cassetta e confettura di rabarbaro e fragole fatti in casa, via di corsa alla manifestazione Sapori da Sfogliare dove mi attendeva lei, Patty Pat, che ancora una volta mi ha coinvolta in un'iniziativa bellissima, e tutta l'allegra brigata dello Starbooks, con cui avrei condiviso una 'due-giorni' da sogno, grazie all'Associazione Nazionale Città dell'Olio, per cui come come sapete curo, con altre valenti colleghe, la  rubrica dedicata alla Cucina dell'Extravergine. Per la prima volta lo Starbooks si è riunito per commentare dal vivo, insieme all'autore Sergio Rossi, La cucina dei Tabarchini, storie di cibo mediterraneo fra Genova, l'Africa e la Sardegna. E lo ha fatto su iniziativa dell'Associazione, che ci ha coinvolte in questa splendida esperienza, anche lei ospitandoci, coccolandoci, viziandoci. Emozionante per me, che dello Starbooks non faccio parte, perché ammiro le ragazze impegnate in questa sfida continua e avvincente.
Lascerò che le immagini stavolta parlino per me. Alcune foto non sono mie e ringrazio chi me le ha cortesemente girate, in particolare l'Associazione Città dell'Olio per le foto della consegna degli attestati e la foto di gruppo di fine corso. E' stato bellissimo vedere lo Starbooks al lavoro. Sono quasi svenuta quando ho appreso che Alessandra, una delle due anime dell'iniziativa, ha una biblioteca di cucina che farebbe invidia alla libreria Books for Cooks di Londra...mamma come mi sono sentita ignorante al suo cospetto!!!!


Ovviamente ci siamo presentati alla conferenza armati come sempre di macchinette fotografiche e i-pad, i nostri strumenti di lavoro....


Bello rivedere tante amiche e amici, condividere e assaporare l'esperienza fino in fondo. Avevamo tante cose da raccontarci, esperienze da condividere, abbracci sospesi da dare, volti fino ad allora solo immaginati da incontrare...


E tanto da assaporare. La rassegna vantava al suo interno produttori di nicchia. Ne ho apprezzato la presenza, soprattutto perché nelle manifestazioni di più ampia portata i piccoli produttori di qualità fanno fatica ad esserci. Mi rammarico del fatto che un evento così ben strutturato non abbia ricevuto l'eco che meritava. Forse non è stato dato il giusto rilievo all'iniziativa, come abbiamo convenuto con il tassista che mi riportava alla stazione, appassionato di alimentazione sana e naturale, che è caduto letteralmente dalle nuvole quando gli ho descritto cosa avevano organizzato all'interno della Fiera. Il tempo di accompagnarmi alla stazione e l'ho visto dirigersi di corsa alla manifestazione per prendere almeno qualche dépliant. Un vero peccato. Non trovate anche voi? Guardate un po' qui....


Chi vuole assaggiare gli agnolotti del plin? Allungate le forchette....


Ma la nostra giornata non era finita. Un altro nostro graditissimo ospite, che ringrazio per quanto ho appreso nel corso dell'interessantissima visita, ci aspettava: l'Azienda Raineri di Imperia, di cui abbiamo potuto apprezzare non solo la struttura produttiva e organizzativa, ma anche l'eccelsa qualità del prodotto, che come sapete, se avete seguito la Cucina dell'Extravergine, è fra i miei preferiti. Cultivar taggiascia in purezza, una delizia per il mio palato. Ho impiegato quest'olio per la ricetta di oggi. Liguria su Liguria, non avrei potuto far diversamente. Mi sono emozionata nel vedere in funzione il vecchio mulino. In questa azienda tradizione e innovazione convivono, a vantaggio della qualità del prodotto finale.


E dopo la visita didattica, un cena sopraffina che, ahimè, non ho potuto apprezzare a pieno a causa del fastidiosissimo raffreddore di cui sopra. Però che bello cenare tutti insieme allegramente e guardare mani sapienti preparare il pesto al mortaio.... 


E il giorno dopo pronte per il corso di assaggio tenuto presso la Camera di Commercio di Imperia da Marcello Scoccia, Vice Presidente e Capo Panel dell'ONAOO, persona di grandissima esperienza e disponibilità. 


Corso interessantissimo, che ancora una volta mi ha dato modo di capire quando mi affascini il mondo dell'olio extravergine di oliva. E quanto ci sia da imparare e conoscere.
E infine, tutti di ritorno a Genova per la cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione al corso di assaggio, ricevuti brevi manu dal Presidente dell'Associazione Nazionale Città dell'Olio, Dottor Enrico Lupi. Prima di concludere, un ringraziamento particolare va al cortese e disponibilissimo staff dell'Associazione, fra cui voglio ricordare la dolcissima Natascia Maesi, che già mi sopporta come food blogger della Cucina dell'Extravergine...


E' stata dura salutarsi, perché in quei giorni si è creata un'atmosfera bellissima, conviviale, da allegra classe in gita scolastica. Oggi non mi comporto però da alunna diligente e non riporto i nomi degli altri partecipanti con i rispettivi link, perché, come vi dicevo, è un periodino concitato...i nomi però potrete trovarli nei bellissimi post di RobertaSandra, Fabio e Annalù....e dai loro post potrete risalire agli altri post delle amiche coinvolte....in pratica una catena di Sant'Antonio!!!! 

Vi lascio con la ricetta della cara Nonna Minga. Alla prossima avventura...che a occhio e croce non sarà fra molto...vi aspettiamo domenica 14 a Siena e nei giorni a seguire!

MINESTRONE ESTIVO ALLA GENOVESE DELLA NONNA MINGA
Nota: per la ricetta originale cliccate qui

Ingredienti
Patate, cipolle, zucchini, carote, pomodoro, fagioli borlotti, fagiolini, melanzana, sedano, bietole, qualche foglia di lattuga, cavolo cappuccio o verza, piselli e fave (quando ci sono freschi, altrimenti secchi), aglio, crosta del parmigiano, pesto senza pinoli, sale, olio evo, parmigiano (a piacere). In autunno unirete la zucca e le rape, in inverno gli spinaci, mentre la maggiorana sostituirà il basilico. 

Lavate le verdure, tagliatele a pezzetti e copritele con acqua sufficiente a sopportare una lunga cottura, che ridurrà considerevolmente il liquido. Unite la crosta di parmigiano e il sale.
Fate cuocere per almeno 3 ore, molto lentamente, mescolando di quando in quando perché non si attacchi al fondo.
A fine cottura, sollevate le verdure con una schiumarola (mestolo forato) e schiacciate un poco con la forchetta.
Spegnete il fuoco, unite il pesto (senza pinoli) e olio evo a crudo. Fate intiepidire e servite, volendo accompagnato da altro parmigiano.
A piacere, potete unire, facendola cuocere nel minestrone, la pasta: a Genova si usano i bricchetti, i ditalini rigati o lo scucuzzun, un tipo di pasta che ricorda molto la fregula sarda.



38 commenti:

  1. davvero una bellissima manifestazione...cosi come davvero bella la tua proposta odierna!
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tanto e ti abbraccio.
      Bacio a te :))

      Elimina
  2. Sabina, che bel post che hai scritto ...
    Queste sono esperienze, che ci arricchiscono, sia dal profilo umano, e che da quello di foodies, e poi scambiarsi le ricette preziose di famiglia, come hai fatto con Patrizia, e poterle divulgare anche a chi, come me,non la conosceva ...
    Che grande strumento è la rete, ma soprattutto, che bel mondo, è quello dei food blogger :)
    Un abbraccio, e grazie per la condivisione
    Aurelia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sante parole grande donna che sei! Condivido e sottoscrivo tutto. La rete è un grande strumento, l'emblema della comunicazione libera, dello scambio, dell'empatia, dell'arricchimento. La nostra rete di food blogger è una risorsa enorme da condividere.
      Grazie a te.
      Ti abbraccio Aurelia
      Sabina

      Elimina
  3. Sabiiii!!! Confessa, lo hai scritto di notte questo post vero? Io sono in ritardo su tutto ma che ci posso fare se tutto va alla velocità della luce e io sono una lumaca?
    Bel racconto e bel minestrone.
    Ci vediamo a Siena tra qualhe giorno.
    baciiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha....mi ci vedi eh? Non so se sono stanca o che...ma c'ho messo un giorno fra foto, scrittura....non riuscivo ad organizzare la stesura del post...questa è stanchezza amica mia e tu lo sai bene:)
      Non vedo l'ora di vederti sabato.
      A presto presto
      Baciiiiii a te!
      Sabina

      Elimina
  4. Io voglio un gran bene a questa ragazza qui. Ma tanto tanto sai? La conosci? Si chiama Sabina. Ante sono le cose che ci accomunano, ci separa solo una R.... Un abbraccio forte, donna speciale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .....lacrimuccia time, te l'ho detto! Sì la conosco, brava ragazza, non è malaccio. Però, se devo dirti, a me piace di più l'altra...quella con la R ;)) Più frizzante, solare, allegra, dal cuore grande così!!!! Ma mi piace tanto eh...e le voglio anch'io un bene da matti. E mi ritengo strafortunata ad averla incontrata :))
      Abbraccio forte a te, ma forte forte eh....
      Sabina

      Elimina
  5. Ci siamo messe d'accordo? è telepatia ...nel giro di due giorni io te e la Patty abbiamo scritto un post su Genova. Belle le foto e super la ricetta. un abbraccio stritoloso bella signora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che mi stavo perdendo il tuo. E temo di essermene persa altri :( Comunque ho rimediato con estremo piacere. Leggerlo è stato piacevolissimo.
      Grazie cara e un abbraccio stritoloso a te...quando ci si rivede???
      Baci
      Sabina

      Elimina
  6. anche la mia nonna ci metteva le cortecce del parmigiano.... un profumino!!!
    baci
    Sandra
    p.s. ora basta con queste foto che in tutte mi vedo come una paperella!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buone le cortecce vero??? Mia nonna le metteva nel brodo e le chiamava bucce....le metteva a bagno in acqua tiepida, le puliva e le metteva nel brodo, oppure....me le sbruciacchiava sul gas....che a me piacevano tanto. Lo faccio tuttora.
      Ti abbraccio
      Sabina
      PS: ma che paperella e paperella!!!!! Ahahahahaha :)))

      Elimina
  7. Non ti dico la gioia di averti avuto qui...la conosci! :) Spero, e mi sai sincera, di riaverti presto, con la famiglia, magari! Che bello vedere le ricette antiche correre veloci di casa in casa, di mano in mano, di cuore in cuore!! Sai come ne sarebbe fiera la mia nonnina!!!
    Un bacio grandissimo!!
    Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altroché se ti so sincera cara Patrizia. E generosa come poche persone. Grazie ancora di cuore, anche per questa meravigliosa ricetta. Hai detto bene, è bellissimo vederle correre. Lasciano un po' di chi le preparava in ognuno di noi e ne fanno sopravvivere il ricordo.
      Ti abbraccio forte bella donna
      Sabina

      Elimina
  8. Pensa che proprio poco fa ho scritto su twitter che ho voglia di andare a Genova: puoi immaginare dunque quanto la seconda foto mi colpisca al cuore :)
    Bellissima la vostra esperienza a Sapori da sfogliare! La prossima volta faccio un salto e vengo a trovarvi così vi conosco tutte, che non sai quanto lo vorrei :))
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh ma allora devi assolutamente andarci Elisa. Eh lo so, quella foto ha colpito dritto al cuore anche me. Conosci Patrizia? Credo che nessuno meglio di lei possa suggerirti itinerari e segreti nascosti di questa meravigliosa città. E lo fa con il cuore.
      Allora alla prossima. Dobbiamo incontrarci, che a Siena non ci si becca!!!
      Ti abbraccio
      Sabina

      Elimina
  9. Si, è stata una bella esperienza, abbiamo imparato tanto, ci siamo divertiti, abbiamo assaggiato ottimi prodotti. Cosa si poteva volere di più?

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un lucano??? Ahahahahahaha.....no, una bella bottiglia di olio evo cultivar taggiasca in purezza. E' stato un grande piacere per me conoscervi Fabio, a Torino era mancata l'occasione.
      Un abbraccio
      Sabina

      Elimina
  10. Bellissimo e completo reportage, a me mancavano un sacco di foto, me ne sono accorta troppo tardi :)
    E' stato davvero molto bello, soprattutto scoprire una sintonia immediata con tante persone conosciute da poco.
    Alla prossima e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Mari, si è creata una bellissima atmosfera fra tutti noi. Veramente speciale. Il tuo era uno dei visi immaginati da incontrare...un bellissimo viso direi :))
      Ti abbraccio forte e spero a presto
      Sabina

      Elimina
  11. Ora passo, sdraiata a pelle di leopardo, perché in questo periodo leggere i vostri blog è veramente quasi impossibile. Ma mi sono commossa, mi sono tornate in mente le ore trascorse insieme e volate letteralmente, la lotta contro l'aria condizionata, le risate e la meravigliosa compagnia.
    Grazie Sabina. Grazie blog che ci hai fatte incontrare!
    Un bacio grandissimo, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu con quello che hai da fare passi da qui....wonder woman :)) Ore bellissime Patty, siamo stati proprio bene (la presenza di due uomini due nel gruppo mi impone l'uso del maschile).... e la lotta con l'aria condizionata non la scorderò più. La inserisco nel taccuino dei ricordi che mi rubano un sorriso in solitaria 'a sganascia' :))))
      Santo blog, sempre santo...hihihihihihi!!!!!!
      Bacio grandissimo a te e ancora grazie di tutto!!!!
      Sabina

      Elimina
  12. Grazie, merito della nonna Minga!

    RispondiElimina
  13. new york knicks jersey, http://www.newyorkknicksjerseys.com/
    ralph lauren outlet, http://www.poloralphlauren.us.org/
    ugg boots uk, http://www.cheapuggboots.me.uk/
    nike air max 90, http://www.airmax90.us.com/
    parajumpers outlet, http://www.woolrichoutletstore.us.com/
    winter coats, http://www.cybermondaydeals.in.net/
    lacoste shirts, http://www.polo-lacoste-shirts.fr/
    nike air huarache, http://www.nike-airhuarache.co.uk/
    canada goose outelt, http://www.parajumpers.in.net/
    lululemon outlet, http://www.yogapants.us.com/
    longchamp handbags outlet, http://www.longchamphandbag.us.com/
    valentino shoes, http://www.valentinooutlet.us.com/
    seattle seahawks jerseys, http://www.seattleseahawksjersey.us/
    nike running shoes, http://www.nikerunningshoes.cc/
    green bay packers jerseys, http://www.greenbaypackersjersey.us/
    true religion canada, http://www.truereligionjeanscanada.com/
    valentino outlet, http://www.valentinooutlet.us.com/
    louis vuitton outlet store, http://www.louisvuittonoutlet.in.net/
    designer handbags,handbags outlet,cheap handbags,purses and handbags,wholesale handbags,designer bags,bags outlet,handbags wholesale,cheap purses,discount handbags,handbags sale,wholesale purses,handbags and purses,designer purses
    ugg boots clearance,ugg australia,uggs on sale,ugg slippers,uggs boots,uggs outlet,ugg boots,ugg,uggs
    ray ban outlet, http://www.raybansunglassesonline.in.net/
    109

    RispondiElimina
  14. This blog is so nice to me. I will continue to come here again and again. Visit my link as well. Good luck

    RispondiElimina

grazie per i vostri commenti, mi fanno sempre piacere!