sabato 24 dicembre 2011

Mele al fiasco con salsa inglese e cuore di frolla ... auguri veri, panettone 'dummy'!


Ho fatto il panettone in casa. Quello a lievitazione naturale...e lo volevo postare sul blog con i miei auguri di Natale per tutti voi. Ora c'è un motivo se saggiamente avevo adottato in passato il fermo proposito di non imbarcarmi nella saga della 'pasta madre'. Avete presente quella sorta di tamagotchi gastronomico che se te lo scordi o non lo rinfreschi inesorabilmente ti muore? Io sapevo che non ce l'avrei fatta a vederlo morire in caso fosse successo, però quando la mia amica Roberta, uno dei begli incontri che mi ha portato in dono quest'anno, mi ha proposto di fare il panettone insieme a lei non ho saputo dirle di no. Roberta ha un bellissimo blog e vive in Olanda. E allora come ho fatto a fare il panettone con lei? Sono andata fino in Olanda? E no che non ci sono andata, purtroppo, anche se mi sarebbe piaciuto tanto. Roberta mi ha proposto una sorta di impasto virtuale a quattro mani sui nostri blog. Una collaborazione a distanza. Idea bellissima e molto romantica. Ora in settimana sono stata molto impegnata e nei due giorni scorsi ho dovuto preparare un buffet per un'ottantina di persone con una collega personal cheffina (nostro primo incarico reale, non virtuale)....ditemi voi come facevo a seguire il tamagotchi.....l'ho dovuto abbandonare e lui si è vendicato. Dopo averlo stressato il giorno prima imponendogli ritmi di rinfresco inadeguati e serratissimi, l'ho ripreso alle 23 di sera dopo un'intera giornata trascorsa io a cucinare fuori casa e lui a languire...non ha voluto più saperne di me! Il panettone ho provato a farlo ugualmente....immangiabile, neanche ve lo mostro, perché fa tristezza, è deprimente, non brutto, ma deprimente....e noi non vogliamo deprimerci a Natale, giusto??? Questo panettone (anzi questi, perché erano due) l'ho chiamato 'dummy', come quelle finte basi per torte che sembrano buone ma se le addenti ci lasci l'intero apparato ortodontico attaccato perché sono di polistirolo. Il mio panettone non è di polistirolo ma poco ci manca. Se volete provare anche voi a farlo, la ricetta che ho seguito è quella delle sorelle Simili, che personalmente adoro. La trovate tranquillamente su Internet. Ma vi avverto....non prendete impegni nella giornata in cui dovete rinfrescare spesso l'impasto e anche il giorno dopo, seguitelo come se fosse una creatura, curatelo, tenetelo al caldo...perché la pasta madre è come la natura...se non la rispetti, si ribella.
Per rifarci la bocca vi propongo una ricetta dolcissima con un cuore di frolla così come di vero cuore (e anche qui di virtuale non c'è nulla) vi lascio i miei auguri per voi, per le vostre famiglie, per i vostri cari che non ci sono più. Il mio pensiero va anche a loro, a quello che ci hanno lasciato, agli insegnamenti che ci hanno dato, all'amore che ci hanno trasmesso e che porteremo sempre con noi.


Anch'io sono entrata a far parte di quelle persone per le quali il Natale reca con sé anche un grande vuoto. Sì, ovvio, anch'io ho avuto le mie perdite, ma rientravano nell'ordine naturale delle cose. Dall'anno scorso tutto è cambiato. E' toccata anche a me come a tutti. Uno schiaffo in piena faccia, di quelli che bruciano maledettamente. Un fratello che se ne va prematuamente è una bella botta da assorbire. Ci sto provando, ancora non credo di aver elaborato bene. L'ultimo grande pianto risale a ieri sera, dopo che mia figlia mi ha mostrato un dipinto a tempera tutto colorato in cui era raffigurato lui e il suo cuore, staccato dal resto. Guardarlo e chiudermi in bagno per non farmi vedere da lei è stato un tutt'uno. Però quest'anno mi ha portato anche tante cose nuove, importanti: bellissimi e significativi incontri, due lavori nuovi, questo blog, amicizie consolidate, salute....la vita dà e la vita toglie. E' così.
Per questo Natale mi auguro e vi auguro un po' di calma e di serenità e un ritorno a casa. In senso simbolico. Non ho la pretesa di insegnare niente a nessuno, ma il miglior augurio che possa farvi e farmi è ritornare al nostro essere più genuino e sincero, a quello che eravamo da piccoli e che abbiamo sepolto sotto nugoli di polvere e sovrastrutture. Torniamo a casa. Torniamo ad essere noi stessi e non quello che gli altri si aspettano da noi. E' un grande lusso, lo so, soprattutto di questi tempi e in questa società. Per cui il mio è un augurio grande. Andiamo controcorrente, diciamo no quando sentiamo di poterlo fare e sì se lo vogliamo veramente, in qualsiasi contesto. Vi avverto, la pagheremo in certi casi, lo saprete certamente meglio di me, ma credo che a volte, non sempre, perché bisogna anche imparare a far buon viso a cattivo gioco, e io alla mia età faccio ancora fatica, ne valga davvero la pena. Rispettiamo gli altri ma anche noi stessi. Seguiamo il cuore, non solo la testa. Fermatevi, fermiamoci. Guardiamoci intorno e riaggiustiamo il tiro, la strada, il cammino perché per quanto sto vedendo un meccanismo perverso ci sta facendo girare intorno come piccole cavie sulla ruota. C'è  una scena di un film che non posso più rivedere per la sua crudezza, Fuga di mezzanotte. Il protagonista ormai alienato da anni di carcere durissimo in Turchia ad un tratto decide di farcela e inizia a girare in senso inverso rispetto agli altri carcerati, tutti preda della follia e dell'abbrutimento. Quello sarà l'inizio della sua salvezza. E c'è il discorso agli studenti di Steve Jobs che ho già citato su questo blog. Così come ho citato il discorso di Randy Pausch. Sono il mio piccolo regalo per voi, guardarli fa veramente bene al cuore. E mi viene in mente Tiziano Terzani. Credo che quello che dice un uomo saggio quando sa di dover morire o quando ha visto la morte in faccia abbia un valore doppio. Perché rappresenta uno sguardo d'insieme sulla vita da parte di chi, avendola vissuta a pieno, è suo malgrado costretto a fermarsi e riflettere, a tirare le somme, a fare una profonda riflessione e a lasciarla in eredità. Un grande gesto d'altruismo. Uno sguardo d'insieme paradossalmente scevro da qualsiasi contingenza, pur nell'urgenza della morte. E posso dirvi che un grande insegnamento me l'ha lasciato anche mio fratello prima di morire. Oltre ad un esempio di coraggio e dignità estremi. E questo è un dono prezioso, un testimone, un passaggio di consegne. A volte lo seguo, a volte mi riperdo nei meandri di questa vita e nelle mie piccolezze. A volte non guardo più in là del mio naso. Forse possiamo ancora cambiare qualcosa, forse no, non so. Senza dubbio lo stato di cose in cui versa il nostro paese contribuisce a rendere le nostre vite tristi, solitarie, a volte rabbiose. E sopravvivere in questo modo è dura. Un paese che si dica civile non può annientare la dignità umana così. Per questo il mio augurio, che può sembrare di primo acchito snobistico, è in realtà un messaggio di grande speranza per tutti noi. 
La strada per arrivare a questo ambito traguardo non la conosco. Dal canto mio ho imparato ultimamente a chiedere aiuto quando sento di non farcela e sto iniziando sempre più spesso a chiedermi il perché delle cose. Ma chi l'ha detto? Chi l'ha stabilito? Perché no? A girare inversamente alla ruota. A dire quello che penso, quello che non mi piace, che non mi sta bene. E ho anche iniziato a pagarla in certi casi. Sarò un Don Chisciotte contro i mulini a vento, un'inguaribile illusa, ma resto convinta che spesso certi macigni poggiano su fondamenta fragili. Basta levare una zeppa e tutto crolla. E a proposito di Don Chisciotte....Molti di voi sapranno della mia passione per il flamenco...questo video è un altro regalino...un piccolo stralcio di uno spettacolo che ho visto a Madrid con la mia amica Nadia qualche anno fa....lui è un bailaor flamenco fantastico y mui hermoso, Rafael Amargo. Non dovrei dirlo ma....dopo lo spettacolo la mia amica ed io gli abbiamo fatto le poste fuori dal teatro tanto eravamo esaltate dalla sua bravura e dal suo carisma.... (ci trovavamo a Madrid anche per prendere qualche lezione di flamenco all'Amor de Dios e tutto quello che era flamenco ci esaltava all'ennesima potenza)...e lui è uscito con la moglie, splendida bailaora anche lei...figura barbina, alla nostra età poi....non parlavamo spagnolo e vagli un po' a spiegare perché eravamo lì...scena muta, in puro stile 'farlocca' come sono sempre stata in vita mia...lo spettacolo era dedicato a Don Chisciotte...ecco il video...gustatevelo!
Allo stesso modo, riprendendo il mio discorso di prima, e ho quasi finito con questa tirata noiosetta, mi trovo di frequente a chiedermi cosa vorrei per mia figlia. Cosa potrei augurarle? Vorrei che studiasse, studiasse con piacere, non per diventare la prima della classe, come ha fatto sua madre, vorrei che la sua mente fosse aperta sul mondo, che leggesse, coltivasse interessi, seguisse le sue passioni. Vorrei che avesse spalle larghe e gambe solide, ma anche una bella sensibilità di fondo. Vorrei che non avesse pregiudizi e preconcetti, vorrei che si facesse domande e aspettasse a darsi risposte, che sospendesse il giudizio laddove sia possibile. Vorrei che vivesse, vivesse il più intensamente possibile e maturasse un grande bagaglio di esperienze. Vorrei che fosse dolce con i deboli e forte con gli arroganti. Vorrei che porgesse la mano a chi ha bisogno di lei, vorrei che nel pericolo si fermasse ad aiutare e non corresse lontano per mettersi in salvo da sola. Vorrei che non avesse vergogna a dire: "Non ce la faccio", ma che imparasse a chiedere aiuto. Vorrei che gioisse delle piccole cose e godesse di quel che ha. Vorrei che non giudicasse, che avesse la forza di andare controcorrente, di non sentirsi sola nel difendere le proprie idee ma che lo facesse con determinazione e coraggio, vorrei che rispettasse le opinioni altrui e ne facesse tesoro, ma che rifuggisse dalla stupidità, dall'ottusità, dall'opportunismo, dall'arroganza (tutte cose che, insieme alla crudeltà, mi spaventano sul serio). Vorrei che amasse, amasse veramente senza paura di mettersi in gioco, per la gioia di farlo, vorrei che cadesse e avesse la forza giusta per rialzarsi, vorrei che affrontasse i fallimenti con ironia e le vittorie con umiltà. Vorrei che avesse la fortuna di non essere sola, ma che una rete di affetti la avvolgesse con calore. E poi, visto che le 'wonder women' non ci piacciono e quello che mi auguro per lei può sembrare troppo ambizioso, vorrei anche che sbagliasse, che sbagliasse tanto e si perdonasse. Vorrei che non si sentisse sempre all'altezza della situazione. Vorrei che fosse indulgente con sé stessa. Tutti commettiamo errori, è nella natura umana sbagliare ed io lo ritengo un modo efficace per imparare qualcosa su di noi, spesso delle grandi verità. E vorrei che invecchiasse con serenità, forte come una quercia, come lo sono stati i miei in quest'ultimo anno, sorprendendoci di giorno in giorno per la loro voglia di andare avanti nonostante tutto, nonostante il dolore. In definitiva sapete cosa vorrei? Vorrei che fosse sé stessa e si sentisse libera di poterlo essere. Se ci pensate, è il traguardo più difficile e ambito da raggiungere. E mi piacerebbe trovarmi il più a lungo possibile alla giusta distanza per osservarla mentre si compie in lei il miracolo della vita.
Auguro a tutti voi, di vero cuore, quello che ho appena augurato a lei. Lo auguro anche a me stessa. Mi piace pensare che non sia troppo tardi, per nessuno di noi, finché ci sarà dato esserci.

MELE AL FIASCO CON CUORE DI FROLLA E SALSA INGLESE


Dosi per 8 pirottini monoporzione


Per le mele
2 mele renette
1 cucchiaio e mezzo di zucchero di canna
1 stecca di cannella
15 g di pinoli
1 manciata di uva passa

Mettete l'uvetta a bagno. Tagliate le mele a dadini. Inseritele nel fiasco insieme agli altri ingredienti dopo aver strizzato bene l'uvetta. Cuocete per una decina di minuti. Togliere la stecca di vaniglia.


Crema inglese (ricetta dello Chef Maurizio Black Santin)
Per 8 pirottini è sufficiente 1/3 della dose
350 g di panna fresca
150 g di latte fresco
110 g di tuorli d'uovo
65 g di zucchero
1 baccello di vaniglia

Schiacciare leggermente la vaniglia con il dorso di un coltello e incidere il baccello nel senso della lunghezza. Estrarne la polpa e unirla alla panna. Mettere la panna e il latte a bollire in una casseruola capiente con il baccello precedentemente svuotato dalla polpa. Con una frusta rompere i tuorli prima di aggiungere lo zucchero e mescolare facendo attenzione a incorporare meno aria possibile. Posizionare un setaccio sul composto di tuorli e zucchero; unire il liquido bollente filtrandolo dalle impurità e dalla vaniglia. Riportare sul fuoco e, mescolando con una spatola, portare alla temperatura di 84° (togliere dal fuoco a 82° circa). Eventualmente passare al setaccio e omogenizzare con l'aiuto di un mixer ad immersione.

Pasta frolla Pippetto
(ricetta dello Chef Davide Mazza, anzi del suo papà, splendido pasticciere)

250 g di farina
180 g di burro
100 g di zucchero
1 tuorlo
1 pizzico di sale
scorza di arancia non trattata grattugiata

Zucchero a velo per i cuori

Montare il burro pomata (a temperatura ambiente e lavorato) con lo zucchero in una planetaria. Rendere il composto spumoso. Unire l'uovo e continuare a mescolare. Unire la farina setacciata con un pizzico di sale e la scorza d'arancia. Mescolare il tutto a mano ottenendo un impasto morbido da sac a poche. Questa pasta è ottima per i frollini e biscottini da tè personalizzabili.


Spezzettate con le mani la frolla, mettetela su una teglia ricoperta di carta da forno e cuocetela in forno a 180°. Dopo una decina di minuti, toglietela dal forno e iniziate a sminuzzarla con una forchetta. Rinfornate fino a cottura.


 Per i cuori, stendete la frolla e con una formina ricavate i cuoricini. Disponeteli su una teglia ricoperta di carta da forno. Infornarli a 180° per circa 15 minuti.

Pirottini
Mettete sul fondo un po' di pasta frolla sbriciolata. Versate un velo di crema inglese, poi le mele e di nuovo crema inglese sopra. Guarnite con il cuore di frolla spolverizzato di zucchero a velo.






29 commenti:

  1. Allora allora, che dire. Beh, intanto, buone feste cara nuova amica. Di cuore, sinceramente, come li faccio a poche persone.. auguri! Anche al tuo compagno e alla tua bambina: solo una personcina molto sensibile avrebbe potuto fare quel disegno. Su quell'argomento non ti dico nulla: cosa poter dire di non retorico? Le mie parole non faranno cambiare le cose. Ti posso solo abbracciare virtualmente..
    La ricetta è bellissima, da chef! Mi mancava il fiasco!!! Bella anche la frolla!
    Per il panettone mi dispiace tanto, capita che quella cattivona si senta trascurata e cambi il senso di un panettone! Ti sei ampiamente ripresa con questo piatto: davvero da chef!!! Bravissima!
    Senti, com'è andato il buffet? Complimenti!
    Ancora buone feste, con il cuore...

    RispondiElimina
  2. Carissima Sabina, sono onorata e anche un po' imbarazzata per questa citazione sul tuo bellissimo blog. Questa volta e' andata male a tutte e due, ma sei gia' prenotata per la Colomba pasquale!! Questo post e' bellissimo e lo condivido parola per parola. Anche per me tu sei una delle piu' belle sorprese di questa mia blogavventura. Puo' sembrare eccessivo parlare di amicizia, ma noi sappiamo che non e' cosi'. In fin dei conti mettiamo molto di noi nei nostri blog, persino con piu' sincerita' e meno schermi che nella vita reale. Trovo normale provare per te un sentimento misto di affetto, simpatia, stima e ammirazione e sono sicura che semmai ci capitera' di incontrarci "di persona" non riceverei altro che conferme. Mi considero fortunata di averti incontrata in un momento ricco di cambiamenti e novita' e progetti per la tua vita futura e di poter partecipare ai tuoi progressi ed ai tuoi successi, anche se da lontano. Spero che tu abbia passato un Natale sereno con i tuoi cari, nonostante tutto...Ti abbraccio con tutto il mio affetto,
    Roberta

    RispondiElimina
  3. @Donatella: cara nuova amica un abbraccio virtuale anche a te...ma prima o poi ci abbracceremo realmente, ne sono certa. Ancora tanti auguri anche a te, al tuo 'dottore' e ai tuoi...e grazie grazie grazie di tutto. Il dolce è da chef perché per 2/3 ho ripreso le ricette di due grandi maestri pasticceri...di mio c'è l'idea e... il solito fiasco!!! Un giorno lo fotograferò e lo posterò!!!
    Il buffet è andato molto bene, grazie.
    Un grande grande abbraccio con tutto il mio cuore e a presto.

    RispondiElimina
  4. @Roberta: non devi imbarazzarti, meriti tutta la mia stima e anche per me è così...ci sentiamo a pelle!!! E provo anch'io una 'miscela' di sentimenti molto belli e positivi per te. E sono felice di averti incontrata insieme a Donatella che ti è sempre vicina nei commenti :))
    Il Natale è andato, senza i miei, che voglio starsene da soli. Riesco a coinvolgerli il 24 ma non oltre. Ma ieri sera mi sono divertita un mondo...ho portato un'amica al concerto di Baglioni per farglielo conoscere...sono amica di un suo parente che molto gentilmente ci ha scortate fino a lui a fine concerto. Io non sono una sua fan ma devo dire che il concerto è stato bello (bellissimo l'assolo di chitarra di suo figlio Giovanni)... e poi vedere la faccia della mia amica dopo averlo conosciuto e baciato (due volte!!!) è stato bellissimo!!!! C'è stato un momento in cui credevo che mi svenisse davanti a lui!!! :)
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  5. Sabina cara, la mia stima e ammirazione per questo tuo progetto, parte di un progetto più grande e gustoso. Sono ansiosa di vederti all'opera in versione "ufficiale". Bacio grande, Nadia

    RispondiElimina
  6. Nadiù che piacere trovarti qui! Che belli quei giorni a Madrid insieme a te! E di Amargo ne vogliamo parlare??? :)) E di quell'insegnante di flamenco infingarda???
    Certo che mi vedrai presto in versione ufficiale. Ho già stilato il menu...
    Bacio grande a te e a presto presto.

    RispondiElimina
  7. Grazie Sabi per gli Auguri veri e panettone "dummy", quindi il panettone per diventare buono e soffice richiede totale dedizione ...
    A proposito di panettone, qualche sera fa ad una cena di Natale hanno proposto un dolce tipico della tradizione inglese povera ...che oggi fa tanto chic, il bread and butter pudding, lo conosci? un dessert a base di panettone, rielaborato con latte, zucchero e qualcos'altro, ripassato in forno. Non so dire francamente se mi è piaciuto questo dolce, ma in un certo senso, interessante.
    Ciao Sabina, un saluto ci sentiamo presto. Nadiù

    RispondiElimina
  8. Cara Nadiù credo di averlo mangiato e non mi ha entusiasmata, ma forse è solo questione di abitudine. A me piace l'essenzialità nei dolci, il panettone è panettone. Comunque lo riproverò....e poi mi piace l'idea del dolce 'di recupero'...
    Un bacio grande e a presto

    RispondiElimina
  9. christian louboutin, http://www.scarpelouboutin.it/
    ugg boots, http://www.uggbootscheap.eu.com/
    swarovski crystal, http://www.swarovskicrystals.co.uk/
    nike trainers, http://www.niketrainers.me.uk/
    oakley, http://www.occhialioakleyoutlets.it/
    swarovski jewelry, http://www.swarovski.in.net/
    cheap snapbacks, http://www.cheapsnapbacks.us.com/
    designer handbags, http://www.designerhandbags.us.com/
    louis vuitton outlet, http://www.louisvuittonus.us.com/
    cheap nfl jerseys, http://www.cheap-nfljersey.us.com/
    nike outlet store, http://www.nikeoutletstore.us/
    adidas outlet store, http://www.adidasoutletstore.us.com/
    cheap wedding dresses, http://www.cheap-weddingdresses.net/
    coach outlet online, http://www.coachoutletonline-store.us.com/
    fitflop, http://www.fitflop.in.net/
    louis vuitton bags, http://www.louisvuittonbag.us.com/
    gucci, http://www.borseguccioutlet.it/
    vans shoes, http://www.vans-shoes.cc/
    coach outlet, http://www.coachoutletus.us/
    nba jerseys, http://www.nbajerseys.us.com/
    oakley sunglasses, http://www.oakleysunglasses-outlet.us.com/
    cheap michael kors handbags, http://www.cheapmichaelkorshandbag.in.net/
    gucci handbags, http://www.guccihandbags-outlet.co.uk/
    air max 2015, http://www.airmax2015.in.net/
    ugg outlet, http://www.uggsoutlet.us.org/
    2015926caihuali

    RispondiElimina
  10. من المعروف ان نظافة المنازل من بين اهم الخدمات الضرورية في التنظيف والترقية بمنازلنا الى مصاف المنازل العصرية والتي عرفت تنظيفا عصريا من شانه ان يوفر لساكنته ظروفا حياتية راقية ولابد من توفر هيئة تختص في المجال مع تقديم ضمانات متكاملة من شانه ان تجعل الافراد يضمنون نجاح خدمة التنظيف ولا حاجة للمزيد من ضياع الاموال عبر طلبات خدمة نظافة المنازل التي لا تلبي حاجياتهم ولا تتماشى مع رغباتهم لأن العديد من شركات تنظيف المنازل تسعى فقط الى عرض خدماتها عبر طرق ترويجية فحسب من اجل كسب المال فقط دون مراعاة الوازع الاخلاقي والضمير المهني الذي يحتم على مدراء مثل هاته الشركات ان يسعوا خلف ارضاء العملاء ليس اكثر من هذا عبر اتقان تنظيف المنازل . شركة عزل خزانات بالقصيم
    شركة رش مبيد بالرياض
    شركة تنظيف بتبوك
    شركة نقل عفش بالاحساء
    شركة تسليك مجارى بالاحساء
    شركة تنظيف خزانات بتبوك
    شركة تنظيف خزانات بالاحساء
    شركة تنظيف خزانات بابها
    شركة تنظيف منازل بتبوك
    شركة تنظيف بالطائف

    RispondiElimina
  11. لاشك ان شركه الحورس تعد افضل شركه خدمات منزليه التي منها (التنظيف/رش مبيدات/مكافحه حشرات/تسليك مجاري/كشف تسربات المياه/تنظيف خزانات..)وعديد من الخدمات التي تلزم البيت او الفله نحن بخدمتك عزيزي العميل.
    شركه نقل اثاث وعفش بالطائف
    افضل شركه تنظيف بالطائف
    شركه مكافحة حشرات بالطائف
    شركه كشف تسربات المياه بالطائف
    حيث شركتنا تتميز باداء الخدمه علي افضل وجهه حيث نعد شركه رش مبيدات بالطائف
    شركه تنظيف خزانات بالطائف

    RispondiElimina

grazie per i vostri commenti, mi fanno sempre piacere!