domenica 22 gennaio 2012

Torta di zucca, mandorle e farina di castagne...di ritocchi e stravolgimenti!


Mi sono accorta di una cosa. L'altro giorno ho provato a post-produrre la foto dei ravioli di ricotta che ho pubblicato nel precedente post. Sono i miei primi tentativi con Photoshop. Beh, vi dico subito che a me questo fatto della post-produzione mi convince fino ad un certo punto. Premetto che ne mastico poco, premetto che non fotografo bene, premetto tutto quello che volete voi però...secondo me il bello è saper fotografare bene senza aver poi un gran bisogno di post-produrre la foto. Ma un tempo come si faceva? Lo so che molti di voi in questo momento diranno: "E ma che noia questa! Adesso dirà che si stava meglio quando si stava peggio, che la frutta non è più quella di una volta, che non ci sono più le mezze stagioni e tutta una bella sfilza di ovvietà!".
E avete ragione! E confesso pure che il telefonino (va beh, sì, il cellulare) sono stata una delle ultime a comprarlo. Ho opposto una strenua resistenza, mi sono beccata le prese in giro di buona parte dei miei conoscenti e poi quando anche sul lavoro questa cosa è iniziata a pesare mi sono dovuta piegare (all'epoca collaboravo con un'agenzia di traduzioni lussemburghese che aveva necessità di contattare urgentemente i traduttori e diverse volte ho fatto saltare i nervi all'editor per il fatto che non ero immediatamente reperibile). Ora, ad esempio, sto lottando contro l'i-phone che hanno praticamente tutti, tranne me e qualche altro riottoso sfigato mio pari (lo dico con affetto eh!). Però gli sfigati sono anche fra i possessori di i-phone, non crediate. Qualcuno di mia conoscenza, e non faccio nomi (vero Serse???), ha rotto il vetro dell'i-phone dopo neanche una settimana dall'acquisto...e non aggiungo altro per non infierire! Ma torniamo alla post-produzione. Insomma avevo questa foto di ravioli nel piatto che mi sembrava un po' sbiaditella. Aggiusta di qua, aggiusta di là, mi sono fatta prendere la mano. Il guaio è che non me ne sono accorta subito, cliccando su Anteprima. No, per me quella era diventata una bella foto. Per caso poi mi cade l'occhio sulla foto originale che avevo salvato accanto a quella ritoccata...e mi prende un colpo! Per fortuna non l'avevo ancora pubblicata! Sapete che sensazione ho avuto? Quella di trovarmi di fronte ad una di quelle signore che hanno esagerato con la chirurgia plastica. La guardi e pensi: "Che faccio, glielo dico che forse il chirurgo non s'è regolato o mi faccio i fatti miei?". Ecco, non vorrei che con questa post-produzione, a forza di ritocchi, ci si facesse prendere la mano e si perdesse il senso della realtà, dei colori originali, della naturalezza. Lo so, lo so. Bisogna essere bravi anche nel post-produrre le foto, però a mano a mano che mi esercito, che vedo tante foto di cucina, mi rendo conto che le immagini scattate e ritoccate ad arte si riconoscono eccome (e le mie non sono certo fra quelle!). Il ritocco secondo me, se c'è, non si deve vedere. Ah, però ci tengo a dire che il violetto del ripieno che notate nel famoso post sui ravioli era proprio così, non mi sono fatta prendere la mano. L'impasto pre-cottura era violetto...giuro! Misteri della bieta rossa! Così come il colore della torta di oggi è proprio quello, gli ho dato solo un'aggiustatina, una passata di cipria come fanno le signore dabbene. Per questa torta devo dire grazie a Monica di Un biscotto al giorno, perché la ricetta di base da cui sono partita è quella della sua fantastica torta di carote che trovate cliccando qui. Ringrazio Monica per avermi permesso di stravolgere un po' la ricetta consentendomi di finire quella benedetta farina di castagne (e questa è decisamente una torta per amanti della farina di castagne) che avevo in dispensa da quando ho partecipato al concorso della Cucina Italiana, concorso che non ho vinto, con una ricetta di ravioli (ancora ravioli...ma sarò fissata???). Il blog di Monica è uno dei miei preferiti e lei è un altro bell'incontro che mi regalato il blog. E sapete cosa fa Monica di professione? La fotografa. E sapete cosa le invidio del suo blog stupendo interamente dedicato ai dolci, a parte il blog stupendo e i dolci da urlo? Le foto!!! Fatevi un giretto sul suo blog e mi direte. Foto di elegante essenzialità e semplicità, estremamente realistiche. Come dice sempre mio padre, che è un fotografo di grande esperienza dal quale ahimé non ho preso lezioni per le classiche dinamiche padre-figlia, il piatto deve venirti incontro. Ecco, i dolci di Monica secondo me ti vengono incontro...guardate un po' qui...non vi viene voglia di allungare la mano per prenderne uno? Ora la sto braccando perché Monica organizza a Milano, città in cui vive, dei corsi di food photography e vi pare che da bravo martellino pneumatico quale sono non le ho chiesto di organizzarne uno anche a Roma??? Alla prossima puntata...

TORTA DI ZUCCA, MANDORLE E FARINA DI CASTAGNE

400 g di zucca
300 g di zucchero
3 uova
2 dl di olio di semi di arachide
150 g di farina 00
150 g di farina di castagne
50 g di mandorle sgusciate (non spellate)
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale

Pulire la zucca e grattugiarla. Tenere da parte. Frullare le mandorle. Nella planetaria (o in una ciotola) montare con la frusta piatta le uova con lo zucchero fino ad ottenere una crema. Aggiungere l'olio di semi, le due farine setacciate, il lievito, le mandorle e un pizzico di sale. Amalgamare bene e unire le carote. Lavorare bene. Rovesciare l'impasto in una teglia ricoperta di carta da forno. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per un'ora circa. La torta va lasciata riposare prima di consumarla.



26 commenti:

  1. Ciao Tesoro!!! Sono la tua collega sfigata senza iPhone! Pochi mesi fa mi si è rotto il cellulare e, nel ricomprarlo, non ho saputo cedere.. no, per me il telefono ce li deve avere i bottoni (lo so, si chiamano tasti!). Se voglio app, icloud, social network etc non voglio che stiano insieme al telefono. che ne so, sarò malata.. ora ho un cellulare che la mia mente distorta vede simile a un lavandino.. però va bene così..
    Il blog di Monica: tasto suonante, non dolente! Monica ha un blog fantastico, con ricette fantasiose ma fattibili e delle foto che, come dici perfettamente tu, ti vengono incontro.. Meravigliose! E poi lei non se la tira per niente, è sempre gentile, apprezza anche il prossimo, anche se non sei una super food blogger/photographer.. è stato, anche per me, uno di quegli incontri magici nella blogsfera, uno di quelli che ti cambiano certe cose che ormai erano assestate nella tua critica..
    La post produzione: la penso come te (sarà perché anch'io sono una mezza sega come grafica?!).. l'eccesso è la chiave della bruttezza. Faccio le cose che ritengo buone e sane della tecnologia, quindi ad esempio posso togliere l'alone blu o rosso da una foto fatta in interni con un pessimo bilanciamento del bianco, oppure dò o tolgo nitidezza. Non mi spingo oltre: non ne son capace e poi, se per puro cu*o ci riesco bene, poi mi sento una bugiarda truccatrice, una mascheratrice di realtà..
    La torta: buona buonaaaa! Peccato che a casa mia i dolci con la farina di castagne non è che vadano alla grande.. e io da sola a finire una torta ci metto una vita.. Però bella davvero!
    Come sempre, sei un vulcano di idee e spunti... quanto mi piace chiacchierare con te!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come fai ad essere quasi sempre la prima a commentare un mio post devo ancora capirlo...la tecnologia ed io andiamo d'accordo fino ad un certo punto e penso che ci sia un modo per essere avvisati quando qualcuno pubblica un post...io vado in bacheca...e tu? Non sei una mezza sega con le foto, il tuo è uno dei blog che apprezzo di più, lo sai, per i contenuti brillanti, le ricette e le foto. Io non so ancora cosa sia questo benedetto bilanciamento del bianco (e per una food blogger è grave!), aggiungo e tolgo luminosità e vividezza...e mi fermo qui perché già così sono capace di fare notevoli danni. Lavorando in casa fotografo sempre alla stessa ora e con la stessa luce (e lo stesso sfondo)....quindi le mie foto sono di una noia mortale. Ho bandito le foto serali dal mio blog, ce n'è una sola ed è tremenda!!!! Quindi tu sei una gran pezzo avanti a me. Sulla farina di castagne...lo devo dire...non la amo neanch'io ma questa torta è proprio buonina e ho notato un entusiasmo esagerato da parte degli amanti della suddetta farina...
      Monica è Monica...brava, bravissima e umile...ha tutti i requisiti per piacerci, giusto? :))
      Anche a me piace tantissimo chiacchierare con te :))
      Ti abbraccio forte e ti mando un'anticchia di luce :))
      Sabina

      Elimina
  2. Ma è meravigliosa questa torta con tutti questi ingredienti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Isa!!! Ti abbraccio forte :))

      Elimina
  3. sarò accusata di conflitto di interessi ma devo dire che ho assaggiato la torta e l'ho trovata squisita.A casa qualcuno che dice di non amare i dolci ha fatto perfino il bis.
    Marcella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, che c'importa...qui è tutto un conflitto d'interessi!!!
      Ti abbraccio forte mammina

      Elimina
  4. mi puoi confermare se ti è pervenuto il mio commento?
    Marcella

    RispondiElimina
  5. ma io qui mi commuovo davvero!!!!! Tipo che vieni a Milano e almeno ti stritolo un po' di abbracci?? :)
    <3 <3 <3 (cuoricini :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì!!!! Ho scritto il post per questo...carenza di coccole!!!
      A parte gli abbracci che sono certa ci daremo presto presto, l'ho scritto perché te lo meriti tutto!!!!
      Grazie mille e 3 cuoricini con tanti abbracci a te :)))

      Elimina
  6. :-PPPPPPP
    f.to Serse

    ;-))

    RispondiElimina
  7. Sorvolo sull'argomento foto, che mi imbarazza a non finire...Mi chiedo per quale sconosciuto processo evolutivo, nel giro di pochissimi anni sia diventato di cosi' vitale importanza per la conservazione della specie Homo Sapiens Sapiens, l'essere immediatamente reperibili anche se si e' sotto la doccia. Condivido l'ammirazione per il blog, le ricette e le FOTO!! di Monica. Anch'io ho un rimasuglio di farina di castagne in dispensa e questa torta con quell'aspetto soffice e quella crosticina sottile che ha l'aria di sciogliersi in bocca...Un abbraccione, a presto

    RispondiElimina
  8. Grazie grazie grazie....bacione a te!

    RispondiElimina
  9. tory burch outlet, http://www.toryburchshoesoutlet.com/
    celine outlet online, http://www.celineoutletus.com/
    ray ban sunglasses online, http://www.raybansunglassesonline.us.com/
    fitflop shoes, http://www.fitflop.in.net/
    longchamp handbags outlet, http://www.longchamphandbag.us.com/
    soccer jerseys wholesale, http://www.soccerjerseys.us.com/
    ralph lauren outlet, http://www.poloralphlauren.us.org/
    dallas cowboys jersey, http://www.dallascowboysjersey.us/
    coach handbags outlet, http://www.coachhandbagsoutletonline.us.com/
    hermes birkin bag, http://www.hermesbirkin.org/
    nike air max 2015, http://www.airmax2015.in.net/
    longchamp outlet store, http://www.longchampoutlet.name/
    louis vuitton outlet store, http://www.louisvuittonoutletstore.name/
    celine outlet, http://www.celineoutletus.com/
    true religion outlet, http://www.truereligionjean.in.net/
    abercrombie fitch, http://www.abercrombie-fitch.us.com/
    michael kors outlet, http://www.michaelkorshandbags.in.net/
    ray-ban sunglasses, http://www.ray-bansunglassess.in.net/
    roshe run men, http://www.rosherunshoessale.com/
    pittsburgh steelers jersey, http://www.pittsburghsteelersjersey.com/
    hollister canada, http://www.hollistercanada.com/
    925

    RispondiElimina
  10. Proverò subito questa ricetta. Ma non ho capito una cosa... se è una torta di zucca, cosa c'entrano le carote?? :-/

    RispondiElimina

grazie per i vostri commenti, mi fanno sempre piacere!