martedì 11 ottobre 2011

Loti al fiasco con ganache di cioccolato bianco...per i più golosi!!!


Ebbene sì, sono andata in fissa con la cottura al fiasco (vedi post precedente...). Da che lo tenevo nascosto nella credenza ad usarlo tutti i giorni il passo è stato brevissimo. E quando mi fisso...
La ricetta di oggi è per i più libidinosi, quelli che amano i dolci dolcissimi, smielati. Sarà che oggi mi sento uno zuccherino. Buffo che una come me che adora il salato e potrebbe uccidersi con un buon salame o delle patatine fritte bene (e vi assicuro che mi ci sono sentita male!) ami alla follia i dolci zuccherosi, carichi. Ricordo in Portogallo dei dolci spettacolari che richiamavano alla mente la pasticceria siciliana. Uno in particolare si chiamava 'mangiàr real' ed ho torturato il povero cameriere per cercare di carpirne la ricetta....ahimé, non ci sono riuscita! Anzi, se qualcuno di voi dovesse andare in Portogallo...sapete già cosa chiedere, giusto?
Oggi sarò breve....e menomale, direte voi!!!! Non vi ci abituate eh....
Dimenticavo...la ricetta me l'ha suggerita Emanuela dell'Osteria del violino di Pisa. Io di mio c'ho aggiunto la cannella, che come avrete capito userei dappertutto, e ho pensato di far macerare un po' i loti prima di cuocerli.

LOTI AL FIASCO CON CANNELLA E GANACHE DI CIOCCOLATO BIANCO

5 loti vaniglia
2 cucchiai di zucchero di canna biologico
1 stecca di cannella

Per la ganache di cioccolato bianco
200 g di cioccolato bianco
90 ml di panna liquida
Scaldate la panna e versatela a filo sul cioccolato bianco tritato. Girate continuamente con una spatolina.

Sbucciate i loti e tagliateli a spicchi di 1 centimetro di spessore cercando di incidere lo spicchio in corrispondenza del seme. Metteteli nel fiasco e aggiungete lo zucchero e la cannella. Lasciateli macerare per qualche ora finché lo zucchero non si sarà sciolto. Agitateli di tanto in tanto. Mettete il fiasco sullo spargifiamma e cuocete i loti per una ventina di minuti (io li ho tenuti una trentina di minuti perché volevo che si ammorbidissero al massimo, dipende dal vostro gusto personale), rigirandoli di tanto in tanto e lasciandoli caramellare. Sentirete che profumo si diffonderà! Serviteli accompagnati con la ganache di cioccolato bianco.



21 commenti:

  1. eccomi eccomi, presente: io sono golosa!!! una volta non ero così, cioè una volta mangiavo tutto, ma avevo una forte propensione per il salato.. ora invece, con l'età che avanza, il dolce è il mio desiderio nascosto (cosa che non va d'accordo con la mia malattia mentale della dieta perenne, matta e disperatissima..)
    la ganache di cioccolato bianco è un cosa spaventosa.. brava, anche per la cottura insolita!

    RispondiElimina
  2. @Donatella: golosa lo sono diventata anch'io con l'età...sigh...ieri sera ho fatto fuori tutto il contenuto del pirottino che vedi in foto...senso di colpa a miiiiiiiiiiiilllllle!!!
    @Monica: grazie cara!!!

    RispondiElimina
  3. @cooksappe: Bentrovata! Ma allora devi assolutamente rimediare. Va beh, io li chiamo cachi...qui ho voluto darmi un tono ;)

    RispondiElimina
  4. allora, spero che oggi ti sei "fustigata" non sedendoti quando ne avevi l'opportunità, facendo le scale il più possibile, prendere il bus alla fermata successiva alla nostra o parcheggiare l'auto più lontano del solito.. mi punisco così (e in altri modi bruttini che sarebbe qui diseducativo spiegare... i minori ci osservano...)! oppure hai fatto la cosa migliore: "ma 'sti cavoli (sì vabbè, scriviamo cavoli), tanto per una volta che succede? non lo faccio mai, domani recupero"??

    RispondiElimina
  5. ...la seconda che hai detto ;) Da un po' di tempo non mi fustigo più...eh che cavolo!!!

    RispondiElimina
  6. ...sempre @Donatella: come va il lavoro?

    RispondiElimina

grazie per i vostri commenti, mi fanno sempre piacere!